Veneto Interviste

20 SETTEMBRE 2008 : ELISA CAMPORESE, PADOVANA, CALCIATRICE INTELLIGENTE, OGGI IN FORZA AL TAVAGNACCO (UD) DOPO AVER GIOCATO CON GORDIGE, NAZIONALE, VERONA FORONI E BARDOLINO
""Carolina Morace mi ha sempre dato tanta fiducia... che spero di averla ripagata a sufficienza!""
E' piacevole ascoltarla perche' si ha a che fare con una ragazza sensibile, che possiede l' onesta' di dire le cose come stanno anche nel mondo del calcio femminile e della nazionale femminile. Si esprime con un linguaggio chiaro, sincero ed appassionato. Diretto!

20 SETTEMBRE 2008 : INTERVISTA AD ELISA CAMPORESE, UNA BRAVISSIMA CALCIATRICE
ELISA CAMPORESE : Data di nascita : 16/03/1984; luogo di nascita Padova ( Padova ) - Italia; altezza 1.70, peso forma 60 kg; ruolo di calciatrice : centrocampista.
Studentessa ad Udine all'ultimo anno di LINGUE E LETTERATURE STRANIERE.

ELISA CAMPORESE. Nasce a Padova il 16 marzo 1984. Gioca da bambina con i maschi all’Arcella di Padova, la sua parrocchia.
Nel 1997 il calcio giovanile e' poco diffuso ed il Gordige e' un punto di riferimento per una realta' territoriale ben piu' vasta. Papa' Orlando si incarica, allora, di portarla avanti ed indietro da Padova a Cavarzere (Ve) per gli anni che le servono per maturare.
Elisa matura in fretta, viene notata a tutti i livelli, ed a 17 anni, oltre a partecipare agli stage ed alle convocazioni della Nazionale, viene contattata da numerose squadre di serie A, per approdare infine al Bardolino, che ormai tiene d’occhio il vivaio del Gordige.
A 17 anni Elisa ha un posto in Nazionale ed un posto al Bardolino, passa la stagione successiva al Verona Foroni per poi ritornare al Bardolino.
La sua ultima tappa, per ora, e' il Tavagnacco di Udine, sempre in serie A.


Ho intervistato Elisa diversi anni fa. Aveva 16 anni! E su di lei ci sono nella rete web altre interviste interessanti: CAMPORESE - 1 -   CAMPORESE - 2 -

    
20 SETTEMBRE 2008 : intervista di GRAZIANO EDI CORAZZA
CI RIPROPONI, ELISA, UNA CARRELLATA TRA I VARI TUOI PASSAGGI CALCISTICI : GORDIGE, VERONA FORONI, BARDOLINO, TAVAGNACCO ?
La mia carriera "al femminile" inizia nel Gordige dove ho giocato per quattro stagioni. Sono state tutte molto importanti per me, perche' mi hanno formato ed aiutato a crescere, lasciandomi dei ricordi che ancora sono vivi in me. Ed e' grazie al Gordige che e' iniziata la mia avventura in serie A, a Bardolino (VR), all' eta' di 17 anni.
E' stato un anno di emozioni sempre crescenti, 17 goal e la convocazione in Nazionale maggiore. Un sogno che diventava realta'!
Quell'anno (2001) e' stata la conferma del mio lavoro, degli allenamenti e del sudore speso per migliorarmi sempre.
L'anno successivo (2002), presa dal furore di cio' che mi accadeva attorno, ho cambiato sponda di Verona ed approdo al Verona Foroni, squadra disegnata per vincere; e cosi' e' stato per due anni consecutivi. Purtroppo la mia scelta non e' stata capita da tutti, ma non rimpiango nulla di cio che ho fatto.
Con il fallimento del Foroni, torno a Bardolino, dove, in altri due anni, vinco ancora molti trofei.
Nella mia bacheca ci sono : 3 scudetti,4 supercoppe ed 1 coppa italia.
Ma, come nelle piu' belle storie, c'e' un colpo di scena, un cambio di direzione improvviso. E' capitato anche a me : da tre anni gioco ad Udine, con Tavagnacco, una squadra che si e' sempre salvata per miracolo. Ma che ha un grande progetto da sviluppare; in due anni siamo arrivate a giocare in Coppa Uefa e, per la stagione che va ad iniziare, gli obbiettivi sono di migliorarsi ancora ... Speriamo Bene!
LA NAZIONALE, ELISA; CAROLINA MORACE PARLAVA BENISSIMO DI TE.
Carolina mi ha dato tantissimo... E' un allenatore completo, un pozzo di calcio da cui, chi vuole, puo' imparare molto. Io ho avuto la fortuna di incontrarla gia' dall'under19. Mi ha formato : le mie conoscenze tecnico-tattiche derivano dai suoi discorsi alla lavagna prima di uscire in campo. Erano vere e proprio lezioni di calcio, come a scuola. Nel calcio non si inventa nulla e, grazie a lei, ho capito che e' proprio cosi'!
Sono stata per cinque anni titolare nella Nazionale maggiore e questo perche' Carolina Morace mi ha sempre dato tanta fiducia... che spero di averla ripagata a sufficienza!
PERCHE' HAI SMESSO ? TORNERAI IN NAZIONALE ?
Ho smesso nell'anno in cui da Bardolino sono passata a Tavagnacco. Mi ero semplicemente stufata di essere una pedina, una macchina che doveva funzionare alla perfezione, a cui non si concedeva un errore. Il lato umano era venuto meno per privilegiare quello economico..."Ti pago! Fai quello che voglio io!".
Questo discorso lo posso accettare, ma se chi mi comanda ha un cervello... se sono d'accordo su cosa mi fa fare... se abbiamo un obbiettivo in comune. Mi ero resa conto che non era piu' cosi, sia nel club che in nazionale... quindi ho cambiato rotta... ho resettato tutte le mie ambizioni e sono ripartita dal basso, cercando di ritrovare i veri valori che mi fanno amare il calcio. Ed a Udine li ho trovati e non ho nessun rimpianto!
In Nazionale tornero' solo se cambieranno realmente le cose. Prima, con Carolina Morace, c'era un progetto serio... ora non piu'...e questa e' la delusione piu' grossa.
GLI STUDI ?
Con il cambio rotta ho incluso anche la scelta di studio; ho sempre saputo che il calcio ti lascia solo RICORDI, quindi dovevo cogliere il momento per mettermi a studiare veramente, per un mio futuro. E cosi e' stato : ora sono all'ultimo anno di LINGUE E LETTERATURE STRANIERE.
IL GINOCCHIO ED I GUAI FISICI...
Le mie ginocchia hanno sofferto molto. Tre interventi chirurgici; due pulizie ai menischi ed una ricostruzione di legamento crociato anteriore.
Ora ho ripreso perfettamente a giocare con grandi stimoli.
Ho sempre reagito positivamente ai guai che mi hanno bloccato. Era una sfida da affrontare e da vincere... e, visto che amo vincere, mi sono impegnata al massimo ottenendo ottimi risultati!! (per fortuna!!).
DOPO GLI STUDI...
Gli studi dovrebbero terminare entro la fine del 2009. Vorrei partire per un anno ed imparare l'inglese, mio unico grande amore. E poi... non so che lavoro mi aspettera'... basta non rimanere fermi dietro una scrivania!!
FINIRESTI LA CARRIERA AL GORDIGE ?
Sarebbe molto bello. Ma non come giocatrice, come allenatrice. Quello si', volentieri!
COME ANDO' A FINIRE LA CAUSA CHE AVESTI CONTRO LA PRESIDENZA DEL VERONA FORONI ?
Male, malessimo! La societa' e' fallita; ma dei soldi che spettavano a noi ragazze :nemmeno l'ombra!
Altro esempio di come siamo poco tutelate a livello federale!