PENSIERI DE UN CAN VENESSIAN

Rassegna' gero in canl.
Attornia' da compagni disperai,
Amai e cocolai tempo prima.
Ora soi e abbandonai.

      Me ne stavo mogio mogio
      Spetando ch'arivasse chi ne cura.
      Co'na squea de brodagia con pan vecio
      O de carne qualche vansaura.

Ghe gera dee bone creature
Che per aleviar le nostre pene,
Vardandone coi oci de teneressa
I arrivava coe man piene.

      Gavemo sentio arrivar
      Qualcun col passo inserto,
      E noialtri tutti l'ha a abaiar
      E lu che ne vardava col'ocio inesperto

Chiss' che el me veda
Salto per farme notar,
Xe uno che ne porta va
speremo de poter cambiar.

      Lo go' varda' nei oci
      Go visto un lampo d'amor,
      Me so' avvicina' e co la testa bassa
      Me so' russa' nel so pantalon.

El ga sbassa' le so man
Caressandome la testa,
Ghea go' lecada e col rosegoto de coa
Mena' la go per farghe festa.

      Adesso finalmente
      Anca mi go trova' un paron,
      speremo ch'el me vogia ben
      All'ora si che staro' benon,

No'me Interessa lussi
De poco m'accontento,
D'un toco de pan veco
Ma de un paron contento.

      Te ringrazio Padre Eterno
      Do anca dei animai
      Na'casa che me ga accolto contento,
      Fasendome desmentegar i guai passai.

 

Autore Luigi Veronese
Presidente 82 Club Frecce Tricolori Gruppo Aeronautica
sezione O. Pavanello
Cavarzere

TORNA A     Home Page     Pagina Poesie e Racconti