Quando che l'aqua toca el culo,
tuti inpara a noare

L'urgenza fa fare miracoli      

      Quando che la ghe vole, la ghe vole e se scanpa calche parola ...onta, se trata de "licenza poetica"...
      Mi no so' bon de noare, ma me xe tocà spesso de catarme co l'aqua a tiro del ...culo.
      In 'talian i ghe dise "aqua alla gola", ma nialtri veneti, come che capita spesso, semo pi s-ceti; e anca pi previdenti, parché de l'aqua se ne incorzemo prima che la riva a la gola.
      A ogni modo, cossa ghe xe de pi vero?
      Se tuto quelo che inpara on tosato el vegnesse da discorsi come questo, no servirìa tanta filosofia: basta ciapare calche stramuson (manrovescio, par chi che parla in cìcara.) che le robe te le inpari pi in pressa.
      Parcarità, xe anca vero che la ritemètica no la se inpara cascando zo dal scalon da fighi, e gnanca la gramatica opure l'ingrese te vien saverlo scotàndote co le bronse, ma a vìvare in mèso al mondo sì, che se inpara anca passando calche spaurasso.
      "Chi che se ga scotà co l'aqua calda, ga paura anca de quela freda", me diséa me pora nona.
      E chi che no xe bon de noare, come mi, 'pena che l'aqua ghe riva a tiro del ...livelo de guardia, oooh se 'l se destriga a darse da fare.
      Sìo d'acordo?


autore Renato Trevisan - "el Mestro"
tratto dal volume Come che ve disèa... edito da Edizioni ScantaBauchi srl - Padova


TORNA A    Pagina precedente