Xe mèjo fruare scarpe che nissòi

Meglio consumare le scarpe che le lenzuola      

      Questo el xe mèjo del vacino contro l'influensa.
      Co 'na pontura come questa te passi tuto l'inverno sensa mai straunare.
      El xe on invito a pensare a la salute, e anca a darse da fare e a no stare senpre in leto.
      'Na spece de cortelo co do lame, sa vardemo ben, paraltro.
      Fruare le scarpe, cioè "consumare" le scarpe, vol dire caminare e che questo sia tuta salute lo sa anca la mussa del strassaro; ma vol dire anca darse da fare, mòvarse, tegnerse indafarà, no poltrire come on panpe da la matina a la sera, no fare el lilon.
      Fruare i nissòi, invesse, xe come dire ramenarse sol leto par dormire e poltrire opure parché se xe malà, parché anca questo pol capitare.
      Alora cossa xe mèjo?
      I malà i fa presto a dare la risposta, che no i vede l'ora de levarse su dal leto e ciapare on fià de aria fresca.
      Manco presta, pi fadigosa la xe la risposta de la zente prièga, de chi che "oja de laorare sàltame dosso" no ghe passa gnanca pa 'l sarvèlo de dirlo.
      Cussì, sta predicheta la vale spece par sta zente qua.
      Dève da fare, scansafadighe buèi de tuto el mondo, che 'l mondo ga bisogno anca de vialtri, spece se sì svèji.


autore Renato Trevisan - "el Mestro"
tratto dal volume Come che ve disèa... edito da Edizioni ScantaBauchi srl - Padova


TORNA A    Pagina precedente