Chi che ga solo on porselo lo ga belo,
chi che ga solo on tosato lo ga mato

È bene allevare un solo maiale per averlo grasso,
ma più figli perché crescano bene
     

La vita de la canpagna la xe quela che ga partorio i proverbi pi bei.
      Qua se va a tastarghe el polso a la filosofia, parché de questo se trata. E no solo: se trata de economia, de puericoltura (che 'l sarìa el laóro de tirare su i fiòi.) e parfin de religion.
      Ma, tachemo dal prinsìpio: 'na volta in canpagna, se jera possibile, la zente se slevava on porselo, bon - dopo - da i Santi in là par mantegnere la fameja (se sa che del porselo no va butà via gnente).
      Solo chi che ghéa tanti canpi e tanti schei podéa permétarse de tirarne su pi de uno. Eco, alora, che pa' 'ndare ben, uno el jera el numaro justo, senò do i vegnéa su magri.
      El discorso no vale par i fiòi, anca parché 'l prete in cesa diseva che "I fiòi no porta carestia"; e par convìnsare i fedeli a fàrghene 'na sgnarà i ghe metéa in testa che on fiolo unico no 'l podéa che crèssare male.
      I spicòloghi de oncò i dise, comunque, 'na roba simile: on fiolo unico ga manco oportunità de 'naltro che vive co calche fradelo, e de sicuro el cresse manco smalusà, che sarìa "viziato".
      Quindi, par métare d'acordo tuti e avere 'na regola de fero, ricordémosse de slevare on porselo solo e fare tanti fiòi.
      Secondo mi sto proverbio ga da 'verlo inventa on prete che ghe piaséa el salado...


autore Renato Trevisan - "el Mestro"
tratto dal volume Come che ve disèa... edito da Edizioni ScantaBauchi srl - Padova


TORNA A    Pagina precedente