LA TERRA TREMA
24/8/2016

Un forte boato, poi il nulla
un fuggi, fuggi di persone
persone che cercano i propri famigliari
urla concitate, pianti sconnessi.

SOTTO QUEL BOIA INFERNALE,
GIOVANI VITE SPEZZATE,
IN UN SOLO ISTANTE.

TREMA senza sosta la terra
porta seco chiese, case, scuole, edifici pubblici
un ammasso di detriti al posto di interi paesi
la gente è scossa, ha paura.

OCCHI di bimbi sbarrati
verso il nulla, verso le loro case
la conta è enorme, infinita.

SOTTO quelle macerie
dove uomini forti, coraggiosi,
scavano con le mani contro il tempo
per salvare vite umane.

Perché il tempo è ingannatore
perché il tempo è speranza,
per chi urla per farsi sentire
le loro voci sempre più flebili.

ECCO LEO, il cane addestrato
che sente un flebile pianto di bimba,
scodinzola, abbaia forte, la gente ammutolisce
dopo molte ore GIORGIA è salva,
il suo corpicino vede la luce
perché la sorellina GIULIA,
con il suo corpicino l'ha protetta
piange il suo salvatore e affida a GIULIA la sua preghiera.

"PICCOLA veglia su me che non ti ho salvata
ma ora sei una piccola stella,
che illumina il nostro triste cammino
e nei momenti bui tu mi sarai accanto".

Lorenza Giro Banzato

TORNA A    Pagina precedente