racconto / riflessione personale
Vi racconto una storia... la mia storia
(scritto nel 2014)

- vincitore il concorso letterario europeo indetto dal Movimento per la Vita italiano "Matrimonio: vuoi unire la tua vita alla mia?" anno 2014

    Io sono cresciuta in una famiglia di genitori separati. Avevo quattro anni quando papā č andato via di casa. Ricordo quel giorno come se fosse ieri. Ogni volta che ci penso, mi si proietta davanti quella scena, come all'improvviso, nella sala del cinema, viene proiettato il film nel grande schermo. Nella scena che si sviluppa e prende forma davanti a me, ci sono io, bambina di quattro anni, seduta sulle scale dinanzi casa, con un peluche tra le braccia e le lacrime agli occhi. Poi ci sono papā, una valigia e una macchina. Papā mette la valigia in macchina e si siede sopra quest'ultima. Mi guarda. Lo guardo. Mi dice poche parole di conforto, ma le parole non servono a far cessare le mie lacrime. Poi mi abbraccia. Se ne va. Io lo guardo andarsene in macchina, mentre mi asciugo le lacrime con il peluche. Poi la scena si dissolve, scompare tutto, come se un soffio di vento portasse via con sé questo ricordo e mi lasciasse soltanto le emozioni e le sensazioni provate quel giorno. Non ricordo poi cosa feci quel giorno, come dormii la notte e nemmeno se andai a giocare sull'altalena o se continuai a starmene lė a stringere un peluche, come se fosse un amico, un sostegno, qualcuno che non mi avrebbe mai abbandonata. So solo che dormii con quel peluche fino a quando avevo undici anni. So solo che per molto tempo quel peluche č stato il mio unico amico. So solo che per me quel peluche rappresentava una certezza, una sicurezza, un'ancora, una spalla su cui piangere ed ero certa che non mi avrebbe mai lasciata. Poi sono maturata. Ho buttato via il peluche e ho cominciato a guardarmi attorno. Vedevo che i miei compagni di classe avevano mamma e papā che stavano insieme e si amavano, avevano una sola casa nella quale abitavano tutti quanti insieme, avevano una famiglia. Mi sono sempre chiesta come sarebbe avere una famiglia. I miei genitori hanno fatto tanto per me e fanno molto tuttora, nonostante siano separati, ma sono i piccoli gesti che caratterizzano una coppia che mi mancano. Non ho mai visto mamma abbracciare papā, o papā dare un bacio a mamma. Definivo i miei compagni di classe fortunati, perché loro avevano questa possibilitā. Essi avevano la possibilitā di svegliarsi tutti i giorni nello stesso letto della stessa camera, mentre io venivo sballottata da una casa all'altra. Essi avevano la possibilitā di vedere i loro genitori scambiarsi un bacio il giorno del loro anniversario di matrimonio, mentre io sentivo i miei genitori contemplare quel giorno come un grosso sbaglio. Essi avevano la possibilitā di cenare tutte le sere con mamma e papā, mentre io durante la settimana cenavo solo con mamma e il weekend cenavo solo con papā. Invidiavo i miei compagni di classe e quando li sentivo disprezzare la loro famiglia o lamentarsi dei loro genitori, arrivavo addirittura ad odiarli, perché pensavo che avevano il bene pių grande e prezioso del mondo, ovvero la famiglia, e avevano il coraggio di lamentarsi. Un giorno, nel libro di arte che usavo alle scuole medie, vidi l'immagine di un sarcofago degli sposi risalente al VI secolo a.C. e rimasi molto colpita. L'immagine ritraeva un uomo e una donna semidistesi fra i cuscini di un triclinio che si scambiavano reciprocamente gesti affettivi e amorosi. L'uomo abbracciava teneramente la donna cingendole le spalle con il braccio destro, e la donna contraccambiava sorridendogli dolcemente. Mi stupė l'amore che si riusciva a cogliere nel volto, seppur di marmo, di quei due coniugi. Ma mi stupė pių di tutto il fatto che anche all'epoca c'era la concezione di famiglia come nucleo fondamentale della societā e come, prima di tutto, amore tra due individui. Copiai quell'immagine in un foglio. Appesi il disegno in camera mia. Oggi quel disegno č ancora lā. Quel disegno non č soltanto un semplice disegno fatto da una ragazzina di tredici anni colpita da un'immagine che ha visto. Quel disegno rappresenta un modello di vita. Rappresenta il desiderio di una ragazzina di riuscire un giorno a formare quella prima forma di comunitā che sta alla base della nostra societā. Rappresenta l'intenzione di una ragazzina di rimediare a un errore fatto dai suoi genitori. Rappresenta ciō per cui ognuno di noi dovrebbe lottare: la famiglia.

Jada Rubini


TORNA A     Biografia     Pagina Poesie e racconti     Home page