Due poesie composte per il 40° anniversario della caduta della passerella di Boscochiaro

Son quindici angeli

Un sinistro scricchiolio
uno schianto di terrore,
momenti di un silenzio spaventoso...
E, poi, un urlo disumano e grida disperate
scendon giù a percuoter l'acqua squassata
da tavole e tronconi
che prima eran piloni
d'un ponte traballante.
Duecento braccia annaspano nell'acqua
senza più voce, ma sempre più lente...
E dalle opposte sponde
i salvatori si tuffano presti
e buttan sulle rive
terrorizzati corpi
alla ricerca d'amplessi d'amore.
Sull'acqua calma or galleggiali soltanto
mazzi di fiori, cappellini, veli...
Ed un brusio commenta e impreca e prega...
Poi un grido sferza l'attonito cielo:
- La mia bambina?... Dove sei piccina?... -
Ed altre mamme invocano le flglie...
Son lancinanti urli ch'entran nel cuore,
è un pianto che domanda:
- Perché, o Signore?... Ma perché, perché?... -.
Quattordici gardenie profumate
e un bocciolo di candido garofano
stanno sommersi nell'acqua nemica!...
Quindici bare bianche
portate a spalla...
Son quindici angeli che veglieranno
su Boscochiaro, gente martoriata.

Ettore Mattiazzi

 

Quatordese rosete e on bocoleto...
(Quindici fiorellini colti nel giardino della vita)

A xe el ventiun de majo:
- 'Na procession de fioi
pregando e a dondolon
va par 'na pontesela
che passa sol Gorzon.
Ma, sol pì belo... on tonfo
e sighi desperà:
- Dio, Dio! La pontesela
va zo co futi i fioi!
Curì, salvèli, presto!... -
So 'n fià se ga molà,
so l'acoa za intorbià,
furioso on ciàpa, ciàpa,
che pian pianin se straca.
Ma ghe ne manca ancora!?...
La toa, la mia, la soa!
E ciami a perdifìà
e musi imbambolà
da la desperassion,
e li oci sensa lagreme
che fìssa desola,
speranse che va a pian
cò l'eco da lontan:
Quatordese rosete,
un fiore in bòcoleto,
'na pontesela in legno:
Ricordo de inocente
dolor de poara zente.

Bruno Scarpa


SEGNALA QUESTA PAGINA AD UN AMICO
Introduci la E-mail del destinatario: