Renzo Favaron
poeta

Renzo Favaron è nato nel 1958, vive e lavora a San Bonifacio (Vr). Dopo un'iniziale plaquette in lingua, nel 1991 pubblica in dialetto veneto Presenze e conparse, con una prefazione di Attilio Lolini.
Del 2001 è il romanzo breve Dai molti vuoti.
A partire dal 2002 pubblica alcune minuscole plaquette presso le edizioni Pulcino-Elefante. Nel 2003 pubblica Testamento (nota di Giani D'Elia), un'altra raccolta di poesie in dialetto, nel 2006 Di un tramonto a occidente e nel 2007 Al limite del paese fertile (postfazione di Alberto Bertoni).
Il racconto La spalla è del 2005.
Del 2009 è In cualche preghiera (postafazione di Giancarlo Consonni e vincitore del Premio Salvo Basso). Segue nel 2011 "Un de tri tri de un (nota introduttiva di Giovanni Tesio e postfazione di Lorenzo Gobbi), che raccoglie venti anni di poesia in dialetto.
Del 2012 è Ieri cofa ancuò (nostos par passadoman), con una nota di Paola Tonussi.
Del 2014 è il racconto breve Esordi invernali e del 2015 la raccolta Balada incivie, tartufi e arlechini.
E' presente nelle antologie: Guardano per terra, L'Italia a pezzi, Verona: Antologia dei grandi scrittori, Poeti dialettali traduttori.

Poesie dell'autore sono comparse in varie riviste letterare come: La tartana degli influssi, Lo spartivento, Lengua, Via Lattea, Diverse lengue e L’immaginazione, e in altre antologie poetiche; ha collaborato anche con la rivista il Verri.

Hanno scritto e parlato di lui:
Franco Loi, Marco Macciantelli, Vittorio Cozzoli, Gianni D’Elia, Piero Marelli, Giovanni Tesio, Ivano Malcotti, Giovanni Lugaresi, Maurizio Cucchi, Giulio Galetto, Alberto Cappi, Roberto Carifi, Arnaldo Ederle, Paola Azzolini, Attilia Garlaschi, Vittorio Castelnuovo, Alida Airaghi, Lorenzo Gobbi, Isabella Panfido, Gianmario Lucini, Daniela Muti, Anna Maria Curci.


Intervento dell'autore alla presentazione del libro a Castelforte D'Alpone,
17.9.2014
Riprese di G. Lucini con fotocamera Fuji Fine Pix HS35


Alcune sue poesie:


ON PENSIER

Me par che sia inverno
da tanto tenpo, che senpre
ghe sia stada la neve
che gà inpenì le strade…
E questo insieme a on pensier
che più se fa ciaro, più soffro:
el pensier de no’ èssar mi qua,
ma n’altro che de mio
gà la scorza, che parla par mi
quando no’ verzo gnanche boca,
fantasma ‘ncora mio ch’el vive
sensa dormir, anca se no ‘l xe sveio.

da “Presenze e conparse”, 1991


‘N’AQUA DE SOGNO

‘Ncora murà, fermo,
ciuso da piova e fumo.
Co’ la vose mai avùa
gò misurà cuel fil de luse
che sprangava la to casa,
gò alzà i brassi a la sera
parché i balconi
fusse des-ciavà.
‘N’aqua de sogno xe corsa
par gnente.
‘Ndove li toremo, ‘desso
che xe inverno,
i fruti de l’istà?
Persa la ciave de la cità,
semo deventà veci d’un trato.
E ‘desso gnente pì resta,
a parte ‘sto silenzio
che te dago ‘ncora co’ le parole.
Ah, i fruti in istà
i ritornarà , ma ogni ùn
a l’altro ‘l mancarà.

da “Testamento”, 2003


AMARE RAISE

Pa ‘l fato che dai so’ oci
se vedeva la freva cofà mai
prima, a la me bestia
da careta gò spacà l’osso
del colo, sospetando co’ terore
che iera ormai tenpo
de finirla de ‘ndare ‘vanti
e indrìo…
Oh, cuanto straviarse, e cuanto
spinciare: presto gavarò
(anca mi) oci cofà baete de vero,
sarò n’onbra de malatia
invernal e, tra i zermùi
de la montagna…
Tuto el perso zà inpenisse
‘l me grumo pensieroso,
intanto che la testa casca su la tòla
e par gnente ‘l corpo prova
a scolarse da indosso la puntura
de giaonsèo che xe passà
anca in fondo ai ossi…

da “Testamento”, 2003

Leggi anche:
- Un de tri tri de un (Il passo di Efesto. Poesia)
- Presenze e conparse (poesie)


VAI A:             PAGINA ARTISTI             HOME PAGE