HomePage
Traffico Cinema Promozioni
Lavoro Casa Annunci
Semplice Avanzata
OGNISPORT
NAZIONALE PADOVA TREVISO VICENZA-BASSANO UDINE
VENEZIA-MESTRE ROVIGO BELLUNO PORDENONE
Lunedi'
8 Settembre 2008
Edizione Padova
Prima Pagina
Formato Grafico
Edizione odierna
Prima Pagina
Padova
Archivio arretrati
Ricerca Online
Richiedi numeri arretrati
Rubriche
RPQ
Cerca Casa
Cinema
Traffico
Informazioni
Il Gazzettino oggi
La storia
Le redazioni
La pubblicita'
Abbonamenti
Attivit Promozionali
Prodotti Editoriali
Google
Inventore di grandi marchi di abbigliamento giovanile come ...
Inventore di grandi marchi di abbigliamento giovanile come Americanino. Adolfo Bardelle, originario di Cavarzere nel veneziano e meglio conosciuto nell'ambiente della moda italiana ed estera con il soprannome di "Tato", all'inizio degli anni '80 ha creato diversi loghi, oltre ad Americanino, per vestire i ventenni. Ricordiamo Outisder e Kinghino, mentre nel 1985 ide il marchio dei jeans Jacob Choen. Bardelle ebbe il suo boom economico per tutti gli anni '80 fino ai primi anni '90 con il gruppo "Rinomate jeanserie venete". Gli affari successivamente per non vanno come dovrebbero, e un dissesto finanziario, accompagnato da investimenti azzardati, e non proprio felici costringe Bardelle a lasciare la societ e a chiudere con la produzione dei marchi di propriet. Tato Bardelle lungimirante aveva intestato il marchio Jacob Choen al figlio Nicola, che oggi ha quarantanni e vive tra Londra e l'Italia. Proprio il figlio nel 2003 riesce a rilanciare il marchio di jeans e attualmente la Jacob Choen, i cui capi vengono prodotti ad Adria dalla sartoria Giada, tornata nei mercati dell'alta moda di tutto il mondo. Tato Bardelle, quando la sua azienda di jeans andava a bene, aveva una forte passione per le gare di off-shore. Aveva venduto il suo motoscafo, che ai lati dello scafo era sponsorizzato proprio dal marchio Jacob Cohen, nientemeno che a Stefano Casiraghi marito di Carolina di Monaco. Nell'autunno del 1990 Stefano Casiraghi morto durante una corsa al largo del Principato: la sua imbarcazione "Pinot di Pinot" si ribaltata a 200 chilometri all'ora durante il Gran Premio off-shore di Monaco. Tornando ai marchi creati da Tato Bardelle, anche l'Americanino stata rilanciata e adesso di propriet di un'azienda toscana di Arezzo.

Vai a pagina : X XI XII XIV

Belluno Udine Padova Pordenone Rovigo Treviso Venezia Vicenza-Bassano
Il Gazzettino oggi La storia Le redazioni La pubblicit

Il Gazzettino S.p.A. - Partita IVA n. 02742610278
Il Gazzettino On Line 1999 - Informazioni sul sito