Cona, Foresto: S. Maria della Neve
settembre 2013


Pagina 1 - clicca sulle immagini per ingrandire - Foto di Flavio
(foto liberamente prelevabili - citare la fonte in caso di utilizzo pubblico)
La Chiesa Parrocchiale di Foresto di Cona
A Foresto di Cona, piccola frazione del mandamento di Cavarzere, si accede seguendo un lungo viale di fianco alla ferrovia che conduce, a nord per Venezia e a sud per Adria.
La piazza dell'agglomerato, di una semplicitÓ francescana, Ŕ abbellita da due secolari alberi che sembrano proteggerla creando una atmosfera intima e silenziosa.
La Chiesa parrocchiale di stile settecentesco, con timpano, sormontato da una croce in ferro, Ŕ intitolata a Santa Maria a Nives. A fianco Ŕ un grazioso campanile con guglia in stile baroccheggiante. Un vecchio parapetto di mattoni cinge il sagrato.
Guardando la facciata della Chiesa, a sinistra, si vede la statua marmorea della Madonna con Bambino, poggiante su un monolite. La scultura, pregevole opera di un ignoto autore, Ŕ dono del nobile veneziano Gerolamo Duodo, che nel 1769 ne era il jus-patrono.
La bella pala dell'altare maggiore, attribuita al Padovanino, raffigura la Vergine che appare a Papa Liberio e ha rara espressivitÓ. La mensa Ŕ sormontata dal ciborio di stile rinascimentale, con caratteristici pannelli di marmo antico color verde; la corona Ŕ in legno dorato e la porticina d'argento. Ai lati dell'altare stanno due bellissime vetrate istoriate in vetro di Boemia, con lavorazione bavarese, che provengono - essendo state deposte per ragioni stilistiche - dalla cappella della Madonna Mora presso la cappella del Santo: una rappresenta San Lodovico Re, l'altra S. Elisabetta Regina. L'altare di destra, in onore della Madonna del Rosario, risale al 1744.
Due statue, una della Madonna col Bambino (del settecento), l'altra di S. Antonio, troneggiano in due nicchie, ai lati dell'arco del presbiterio.
Nella Chiesa vi sono inoltre la statua di S. Lucia V.M., proveniente dalla Chiesa della Trasfigurazione di Chioggia, in legno dorato stile classico e un quadretto con un dipinto su tela, di ignoto autore, raffigurante S. Giuseppe.
Rolando Ferrarese

    
    
    
    
    
    
    
    
    
    
    
    

VAI A:       Pagina 1       Pagina 2       Tra leggenda e realtÓ: Origine della Madonna della Neve

I luoghi di Culto       Home Page