Dal libro...

    Intanto, alla sinistra del fiume, continuano il saccheggio, le distruzioni, le violenze. I ribelli si recano alle case del podestà Mastini e di alcuni cittadini giudicati facoltosi: li costringono a versare somme per l'insorgenza.
Accorre altra gente. Sono per lo più cannaroli e pescatori che dal 1797 hanno cambiato “padrone” parecchie volte. Nel 1797, all'arrivo dei “liberatori” francesi, s'erano illusi di poter finalmente ritornare a far canna e a pescare in tutte le valli, come da lungo tempo chiedevano. Parole nuove e allettatrici quali Popolo sovrano, Libertà, Eguaglianza avevano fatto intravedere una svolta inaspettata nella vita. Ma troppo presto avevano dovuto accorgersi che quelle erano, e rimanevano, appunto delle parole, mentre la loro miseria sembrava destinata a rimanere una realtà immutabile.
Questi uomini hanno maturato la convinzione che chi detiene il potere sia deciso ad ignorare le loro rivendicazioni, e ciò li ha spinti tante volte a gesti di esasperazione e di violenza, cui hanno puntualmente corrisposto severe misure repressive. Si è creato così uno stato di permanente tensione e malcontento, che aspetta solo l'occasione propizia per tornare a manifestarsi un'altra volta. Ora, osservando la facilità e la sicurezza con la quale i briganti venuti da fuori agiscono, per nulla ostacolati da un'autorità militare che sembra anzi temerli, cannaroli e pescatori cominciano ad unirsi a loro. Tutti insieme, accresciuti di numero, passano l'Adige e si portano a Cavarzere Destro.
Appena messo piede a terra, corrono al Municipio e alla Torre che sorge lì vicino, nell'ufficio del ricevitore comunale Nicolò Fava. Sotto un martellante scampanio inizia anche qui il saccheggio. La rabbia si scatena innanzi tutto contro le insegne del potere: gli stemmi posti sulla porta del Municipio e nella ricevitoria vengono ridotti in pezzi.
 Penetrati nel Municipio, infrangono le porte vetrate, mandano in frantumi i vetri delle finestre, ne scardinano i telai, danneggiano le pareti divisorie in arelle intonacate, lo riducono pressoché inagibile per il futuro.
Dalle finestre del burò, il locale più vicino all'argine, cominciano a volare nel fiume le carte dell'amministrazione … Vengono asportate tutte le carte conservate nell'ufficio dello Stato civile; in quello del podestà, poi, neppure i ferri delle coltrine sono lasciati al loro posto.
Ciò che non finisce in Adige va ad accumularsi sullo spiazzo antistante il Municipio, accanto ai resti degli stemmi abbattuti. Nella confusione, nell'urlìo, nel frastuono delle campane suonate a martello si va preparando la cerimonia del rogo, un vero rituale di quei giorni.
Alle carte lanciate dalle finestre o scagliate dall'ingresso sulla loggetta si aggiungono le portelle divelte degli armadi, i cassetti dei tavoli e degli scrittoi, la bandiera tricolore, i bossoli per le votazioni del Consiglio, perfino la tromba con la quale, fin dai tempi della Repubblica di Venezia, il comandador richiamava l'attenzione della gente per la pubblicazione degli avvisi.
Dalla ricevitoria dei Dazi Consumo si gettano le sedie e tutto il corredo di bollette, misure, contenitori, stampe che il ricevitore aveva avuto da poco per avviare il suo ufficio.
Nel locale dell'Archivio vengono abbrancati i volumi più grossi e appariscenti,

continua a leggere...
ti collegherai al blog del M° Carlo Baldi www.cavarzerestoriaecronaca.it


Torna a:       pagina precedente       Home page