prof. Aldo Cappon
presidente del Patronato scolastico, consigliere comunale
e preside della scuola media

Nato a Chioggia il 27/2/1915, morì a Cavarzere il 5/8/1958. Impegnato in prima fila per l’educazione delle nuove generazioni. A lui è intitolata la scuola media di Cavarzere

Poiché molti cittadini e ragazzi della scuola media di Cavarzere non sanno chi è stato il prof. Aldo Cappon, voglio qui commemorarlo (perché l’ho conosciuto personalmente) a “futura memoria”. Questo perché il prof. Cappon è stato, nel 1956, presidente del Patronato scolastico, consigliere comunale e preside della scuola media “Ugo Foscolo” della quale fu l’animatore e anche il fondatore.

Pur dedicandosi con viva passione ai doveri della sua professione, il prof. Cappon non tralasciò mai gli studi, ai quali e alla famiglia dedicò la maggior parte della sua vita. Sempre si dimostrò buono e cortese con tutti e paternamente affettuoso con i suoi allievi, che ancora lo ricordano (nonostante che la perdita dell’unico figlio Roberto, 14 anni, tragicamente scomparso nelle acque dell’Adige il 13 agosto 1954, avesse contribuito a renderlo apparentemente chiuso). Oltre alla moglie Ada, aveva anche due figlie, Sonia e Grazia.

Ma chi era il prof. Aldo Cappon? Da Chioggia era arrivato giovanissimo a Cavarzere con la madre, Diomira Voltolina, e due fratelli più grandi: Giovanni e Teresa (mia suocera). Orfano del padre Giuseppe, marinaio deceduto durante la prima guerra mondiale, venne a vivere con la sua famiglia in casa dello zio sacerdote, don Giovanni Voltolina (che aveva, tra l’altro, incoraggiato e sostenuto la venuta in paese dell’Istituto delle Madri Canossiane di S. Mauro).

Il prof. Cappon completò i suoi studi nel Seminario di Chioggia e incominciò ad insegnare ad Adria; attivandosi da subito per ottenere una sede distaccata di scuola media a Cavarzere (dove, per i primi due anni, le aule vennero ospitate in Municipio). Successivamente, la scuola media divenne indipendente e fu intitolata a Ugo Foscolo. Ma poiché si rese necessaria un’altra sede per il gran numero di alunni, questa seconda scuola, dopo la sua morte, venne intitolata allo stesso prof. Cappon. La proposta, un doveroso riconoscimento che doveva onorare l’illustre compaesano, venne avanzata e sostenuta dall’allora preside, prof. Ugo Pavanato.

In precedenza, però, il prof. Cappon si era anche impegnato per l’istituzione a Cavarzere di un istituto superiore. E ciò per far proseguire gli studi ai ragazzi licenziati dalla scuola media; non ritenendo sufficiente allo scopo l’istituto di avviamento professionale locale. Si sa che l’iniziativa non andò a buon fine, anche per l’insensibilità al problema dell’allora amministrazione comunale di sinistra. Lo si apprende da un giornale dell’epoca: in un dibattito in consiglio comunale, lo stesso prof. Cappon aveva rimproverato la giunta e il sindaco di non essersi sufficientemente impegnati in proposito.

Il prof. Aldo Cappon dimostrò più volte il suo impegno nel sociale a Cavarzere, anche come consigliere comunale. Durante i periodi di crisi dello zuccherificio, intorno agli anni ’60, si recò spesso a Roma per parlare con i ministeri e i politici competenti per salvare il lavoro di tanti suoi concittadini.

Nato a Chioggia il 27 febbraio 1915, si spense a Cavarzere il 5 agosto 1958, a soli 43 anni, per un male incurabile, tra il rimpianto dell’intera cittadinanza, che nel prof. Cappon aveva rilevato un uomo di grande cuore e intelligenza, con una profonda cultura professionale e sociale; di cui aveva dato numerosi esempi di generosità e amore per il prossimo. Tanti motivi di doverosa riconoscenza e ricordo. (Rolando Ferrarese)


TORNA A:        Pagina Artisti e personaggi        Home page