“Cerimonia per Sandrine”
Domenica 15 gennaio 2017
Rottanova di Cavarzere


Pagina 1 - clicca sulle immagini per ingrandire - Foto di Giuseppe Arpicelli
(foto liberamente prelevabili - citare la fonte e l'autore in caso di utilizzo pubblico)


Domenica la cerimonia per Sandrine

La rete di associazioni “Bassa padovana Accoglie” ha organizzato la manifestazione a Conetta

     La “Cerimonia per Sandrine”, a Conetta per ricordare la morte di una ragazza “in un campo di accoglienza, ma soprattutto per dire basta ad un’accoglienza disumana”. Ad organizzare la cerimonia, domenica pomeriggio con inizio alle 14.30 a Conetta è la rete di associazioni “Bassa Padovana Accoglie”. Una rete, nata a metà del 2015 quando è stato aperto il centro di Bagnoli, che si occupa del tema immigrazione andando oltre al “si o no” all’accoglienza, ma propone storie e modelli di accoglienza. La manifestazione prevede la partenza di una carovana da davanti alla base che ospita a Conetta 1300 stranieri. Quindi raggiungerà la golena del fiume Adige a Rottanova dove verrà lanciata in acqua una corona di fiori per “affidare al fiume, un ricordo, un pensiero, un impegno”, hanno scritto gli organizzatori sulla loro pagina Facebook, presentando l’iniziativa. Francesco Miazzi, uno degli organizzatori, ricorda. «Il coraggio di chiedere scusa alla ragazza morta si unisce alla necessità comune di dire basta ad un’accoglienza disumana, capace solo di trasformare uomini in bestie e capace di generare guadagni privi di controllo democratico - continua Miazzi -. La Cerimonia per Sandrine può diventare la cerimonia per la nostra comune dignità. Speriamo di essere in tanti. Sono già numerose le adesioni di associazioni, gruppi e singoli cittadini. Dopo aver affidato i fiori al fiume chiunque potrà parlare. Può diventare l’occasione per iniziare un processo che porta alla chiusura dei centri come Cona. Dobbiamo batterci perché ci sia un’accoglienza diffusa».
     Oltre alla cerimonia dei fiori verranno lasciate salire in cielo delle piccole mongolfiere.
     Domani alle 14 in piazzetta Dante Alighieri a Conetta prevista "La memoria di Sandrine Bakayoko non si cancella. Verità e giustizia sociale", la manifestazione organizzata dall'Usb (Unione Sindacale di Base) assieme ad associazioni e gruppi che si occupano di migranti, rifugiati, accoglienza.
     «Caro ministro Minniti», si legge nella lettera che accompagna l'annuncio dell'iniziativa, «le sue operazioni di deportazione, avviate nei confronti di alcuni profughi a differenza di altri, e la gestione affaristica dell'accoglienza costituiscono, il problema e non la soluzione». (c.m.)
La Nuova di Venezia, venerdì 13 gennaio 2017


Sandrine

    
    
    
    
    
    
    
    
    
    
    
    
    
    
    
    
    
    
    
    

VAI A:

Pag. 1       Pag. 2

Foto Anno 2017       Home Page