25 Aprile 2017
72° Anniversario della Liberazione
Cavarzere


Pagina 1 - clicca sulle immagini per ingrandire - Foto di Giuseppe Arpicelli
(foto liberamente prelevabili - citare la fonte in caso di utilizzo pubblico)


Discorso del Sindaco, avv. Henri Tommasi:

Rivolgo il mio saluto ed il mio benvenuto alle autorità civili, religiose e militari presenti, ai rappresentanti delle forze armate e delle associazioni d'arma, alla protezione civile, alla banda cittadina, all'arciprete Don Achille, al Sindaco e al Consiglio dei ragazzi, ai figli ed al nipote del Dott. Busonera e soprattutto ai cittadini che con la loro presenza onorano questa festa nazionale.

Sì, perché il 25 aprile deve essere ed è soprattutto una festa dei cittadini. E' la giornata in cui ricordiamo la fine della guerra sul territorio italiano, la riconquista della libertà da parte degli Italiani dopo il ventennio fascista e l'occupazione tedesca, la rinascita dell'Italia libera e democratica (e, di lì a poco, repubblicana) come casa comune degli Italiani. E' probabilmente proprio per questo che il 25 aprile continua da 72 anni ad essere percepito come un giorno di festa per il nostro popolo. E' questa la ragione della sua popolarità, della sua capacità di coinvolgere tutti noi.

Il 25 aprile 1945 fu però non solo la fine di lutti e disperazione ma fu soprattutto l'inizio di un cammino di speranza e di riscatto che ebbe come protagonisti non solo una classe politica che, al di là delle differenze ideologiche, seppe lavorare unita per il bene dell'Italia ma soprattutto ancora una volta i cittadini di ogni classe sociale.

Il 25 aprile 1945 fu finalmente per l'Italia il momento della pace. E la pace cominciò subito a dare frutti di bene per il nostro paese, permettendone la crescita e lo sviluppo in tutti gli ambiti.

Pace e Speranza dunque: la giornata di oggi ci ricorda l'importanza ed il valore di queste due parole. Non concetti astratti, ma situazioni concrete. Il popolo italiano ne ha sperimentato concretamente il valore.

Nel mondo di oggi in cui i venti di guerra tornano periodicamente a farsi sentire anche non lontano da noi ed in cui la crisi degli ultimi anni sembra diventare non più un fatto solo economico ma anche culturale e sociale sembra difficile parlare di Pace e Speranza.

Ma abbiamo il dovere di farlo. Lo dobbiamo alle generazioni che ci hanno preceduto e che hanno affrontato immani sacrifici per donarcele. Lo dobbiamo alle generazioni che verranno e che saranno protagoniste dell'Italia e del mondo di domani.

Viva il 25 aprile! Viva l'Italia!

Il Sindaco
Avv. Henri Tommasi



La locandina della celebrazione


La Voce di Rovigo, lunedì 24 aprile 2017

    
Villaggio Busonera:
in attesa delle autorità e dell'ammassamento
    
    
    
    
    
    
    
    
    
    
    
    
E' arrivato il Sindaco     
    
    
    
    
    
il monumento al dott. Flavio Busonera     

VAI A:

Pag. 1       Pag. 2      Pag. 3      Pag. 4      Pag. 5      Pag. 6      Pag. 7

Foto Anno 2017       Home Page