Pagina 1 - clicca sulle immagini per ingrandire - Foto di Gilberto Vitulo
(foto liberamente prelevabili - citare la fonte e l'autore in caso di utilizzo pubblico)


LA PRESENTAZIONE
Nicla Sguotti oggi a Parma col suo libro sul maestro Serafin

Quella appena iniziata sarà una primavera intensa di appuntamenti per tutti i cultori della grande musica lirica e dei suoi più nobili interpreti, con i quali Tullio Serafin si trovò a collaborare nel corso della sua lunga e prestigiosa carriera.
Grazie al libro “Tullio Serafin, il custode del bel canto”, scritto dalla giornalista de “La Voce di Rovigo” e musicologa Nicla Sguotti ed edito da Armelin Musica - Padova, sono sempre più numerose le occasioni in cui l’arte del celebre direttore torna a vivere.
Fin dall’uscita del libro, nel luglio scorso, Nicla Sguotti è stata in più occasioni chiamata a parlare di Serafin e dei tratti distintivi delle sue straordinarie capacità di direttore e conoscitore di voci.
Fitto appare il calendario degli appuntamenti nei prossimi mesi, il primo dei quali si svolge proprio oggi a Parma. L’autrice sarà alle 16 nello splendido Salone delle Feste del Museo Glauco Lombardi, per parlare di Serafin nell’ambito del Concerto verdiano promosso dall’Associazione culturale “Mettiamoci all’Opera” di Prato.
Grazie all’invito del presidente dell’associazione, Marco Sizzi, e della direzione del museo, l’autrice potrà così far idealmente tornare il grande direttore veneto nella terra parmense, patria di Verdi ma anche di Arturo Toscanini, che di Serafin fu il principale maestro sul podio.
Era davvero uno speciale legame quello che univa il direttore di Rottanova con la città di Parma, nella quale diresse memorabili esecuzioni, sia all’inizio della sua carriera che negli anni della piena maturità artistica.
Il programma del pomeriggio musicale, prevede l’esecuzione di arie d’opera verdiane. Tra gli interpretati ci sarà anche il soprano cavarzerano Stefania Sommacampagna, insieme al mezzosoprano Katia Tempestini e al tenore Mattia Nebbiai. L’accompagnamento musicale sarà a cura del maestro Pietro Mariani, che suonerà lo storico fortepiano “Johann Schanz”, appartenuto a Maria Luigia D’Asburgo, giovane sposa di Napoleone Bonaparte.
Dopo questo importante evento, le presentazioni di “Tullio Serafin, il custode del bel canto” proseguono, Nicla Sguotti nel mese d’aprile parteciperà a diversi interessanti appuntamenti. Tra essi la conferenza che l’autrice terrà, nel pomeriggio di mercoledì 22 aprile, al Circolo della Lirica di Padova e la presentazione del libro sul grande maestro, venerdì 24 aprile, a Verona, città che deve indubbiamente molto a Serafin e alla sua arte.
La Voce di Rovigo, 12 aprile 2015


    
     il fortepiano di Maria Luigia d'Asburgo
    
Maria Luigia d'Asburgo      Marco Sizzi
    
     Francesca Sandrini, direttrice del museo
    
     Katia Tempestini, mezzosoprano
    
     il Maestro Pietro Mariani
    
     Mattia Nebbiai, tenore
    
    
    
Stefania Sommacampagna, soprano     
    
    
    
    

VAI A:

Pag. 1       Pag. 2      Pag. 3      Pag. 4

Foto Anno 2015       Home Page