Incontri con l'autore 2013
Lidia Maggioli e Antonio Mazzoni: "Il Ponte Sette Luci"
Biografia di Giuseppe Levi Cavaglione
27 ottobre 2013
Cavarzere - Palazzo Danielato


Pagina 1 - clicca sulle immagini per ingrandire - Foto di Flavio
(foto liberamente prelevabili - citare la fonte in caso di utilizzo pubblico)


La locandina della rassegna


La Voce di Rovigo - 1 novembre 2013


La copertina del libro

Il ponte Sette Luci - Biografia di Giuseppe Levi Cavaglione

Lidia Maggioli e Antonio Mazzoni

Giuseppe Levi nasce a Genova nel 1911 da famiglia di religione ebraica. Nel 1933 si laurea in giurisprudenza. Quattro anni dopo, raggiunge Carlo Rosselli a Parigi con il proposito di arruolarsi nelle brigate internazionali in difesa della Repubblica spagnola. Per questo viene punito con il carcere e il confino. Con l'ingresso dell'Italia in guerra subisce tre anni di internamento come ebreo antifascista. Dopo l'8 settembre si unisce ai partigiani laziali e diventa comandante delle formazioni dei Castelli Romani. Compie alcune clamorose azioni di sabotaggio che nel 1961 vengono immortalate da Nanni Loy nel film "Un giorno da Leoni".
La sua famiglia è duramente colpita dalla Shoah.
"Sette sono le luci di un ponte. Sette, le luci che si spengono in una notte di dicembre del 1943 mentre è in transito un treno carico di militari tedeschi.
A capo dell'azione partigiana, una delle più importanti del Lazio e dell'intera penisola, un trentenne che da avvocato si fa stratega militare, da perseguitato, inflessibile vendicatore di torti. Torti politici e razziali in un'epoca in cui le apparenze culturali o religiose potevano costituire uno svantaggio irrimediabile".

    
Lidia Maggioli,
già insegnante di storia e filosofia e in seguito dirigente,
ha curato pubblicazioni in ambito scolastico
e libri di memorie. Attualmente alterna
la ricerca storica alla narrativa.
     Antonio Mazzoni,
già insegnante di storia e filosofia e in seguito direttore
dell’Istituto per la storia della Resistenza
e dell’Italia contemporanea della provincia
di Rimini, si occupa di ricerca storica in ambito locale.
    
le diapo illustrative
della ricerca storica dei due autori
     da sinistra
Lidia Maggioli, Antonio Mazzoni e Liana Isipato.
Il prof. Mazzoni insegnò, anni orsono,
a Cavarzere.
Qui fa la battuta:
"Quasi, quasi, mi vien voglia di fare l'appello!"
    
da sinistra:
Paolo Fontolan, Assessore alla Cultura,
Luigina Badiale, Lidia Maggioli, Antonio Mazzoni
e Liana Isipato
     Inizia la presentazione il prof. Paolo Fontolan
    
Liana Isipato parla degli autori e
dei diversi libri da loro pubblicati
     Luigina Badiale parla del libro in presentazione
e ne legge qualche piccolo brano
    
quindi la parola alla prof. Maggioli      e al prof. Mazzoni che parlano
di Giuseppe Levi Cavaglione
    
mostrando alcune diapo della sua vita,      di quali restrizione fu
(e furono molti altri ebrei) oggetto
    
dove fu internato      ed altri veri e propri "campi di concentramento"
in Italia
    
Il pubblico in sala      molti di loro, scopriremo,
sono ex allievi del prof. Mazzoni
    
sulla lavagna la locandina
del film di Nanni Loy "Un giorno da Leoni".
     qui, la copertina del libro
    
Consueto scambio di doni (libri)
con gli ospiti
    
    
    

VAI A:

Pag. 1       Pag. 2

Foto Anno 2013       Home Page